close

Autorità pubbliche

POTERE D’ACQUISTO ED EMERGENZA CLIMATICA: PERCHÉ LA MOBILITÀ DEVE ESSERE INCLUSA NEL DISCORSO POLITICO

Il contesto attuale porta a fluttuazioni significative dei prezzi del carburante che hanno un conseguente impatto sul potere d’acquisto degli automobilisti. Si tratta di una tematica centrale e solleva la problematica della capacità di assumere un impegno verso il clima. Pianeta o portafoglio, quando si tratta del proprio diritto a spostarsi: dobbiamo davvero scegliere?

IL POTERE D’ACQUISTO È LA PRIMA PREOCCUPAZIONE DEGLI ITALIANI NELL’ATTUALE CONTESTO POLITICO

Lo conferma un’indagine condotta dall’Istituto Semopolis, diretto da Pietro Vento, più di 8 cittadini italiani su 10 si dichiarano preoccupati per l’aumento delle bollette di gas ed energia, il 70% per il costo dei carburanti; 2 su 3 segnalano l’aumento dei prezzi della spesa alimentare e dei beni di prima necessità. Il 56% evidenzia, in termini più generali, la crescita dell’inflazione e la conseguente riduzione del potere d’acquisto familiare.La pianificazione territoriale di un paese come l’Italia rende l’accesso alle città, ai villaggi e ai centri urbani una condizione essenziale per l’accesso ai posti di lavoro, ai servizi, alla sanità e ai luoghi di divertimento. Questo accesso è tuttavia condizionato dal livello di reddito, che è essenziale per ottenere un alloggio o per spostarsi [il maggior parte delle volte in auto privata] dalla periferia verso i centri. Questa condizione solleva una problematica concreta: quella della capacità di inclusione e dell’accessibilità ai servizi e alle strutture.

Per garantire a tutti l’accesso ai beni e ai servizi di prima necessità, il potere d’acquisto delle famiglie deve quindi essere preso in considerazione nelle politiche di mobilità, soprattutto quando si tratta di offrire alternative.

PIÙ CHE UNA CONSTATAZIONE, UN’URGENZA ANCORA PIÙ FORTE DOPO L’ULTIMO RAPPORTO IPCC.

Il 5 aprile 2022, l’ultimo rapporto dell’IPCC ci ha ricordato l’urgenza del cambiamento climatico e ha raccomandato di limitare drasticamente le nostre emissioni di gas serra nei prossimi tre anni. Nella sola Unione Europea, il settore dei trasporti è responsabile di quasi il 30% delle emissioni di CO2. L’auto privata è responsabile di quasi il 60% delle emissioni totali di CO2 del trasporto stradale.

CONCILIARE IL BISOGNO FONDAMENTALE DI VIAGGIARE CON GLI IMPEGNI AMBIENTALI SENZA COMPROMETTERE IL PROPRIO POTERE D’ACQUISTO

Per conciliare l’impegno per il clima con la libertà di movimento, un elemento della risposta sta nel cambiamento del modo di trasporto: cambiare il modo di trasporto dall’auto privata a modi più virtuosi come il trasporto pubblico o condiviso o soluzioni di mobilità dolce.

Il Transport on Demand (ToD), una modalità di trasporto che fa parte di questo approccio e al tempo stesso si avvicina all’automobile privata in termine di flessibilità (minibus che possono essere prenotati in tempo reale o in anticipo all’indirizzo prescelto o nelle vicinanze), condividendo in modo intelligente i viaggi dei passeggeri, ottimizzando i percorsi per evitare deviazioni e corse a vuoto.

Inoltre, il Trasporto a chiamata è essenzialmente concepito come una soluzione di trasporto per aree scarsamente popolate (zone rurali o suburbane). Si rivolge a un tipo di popolazione più dipendente dall’automobile o più vulnerabile quando ne viene privata (pubblico non motorizzato, minori, anziani, PRM, ecc.).

La maggior parte dei servizi ToD e PMR, infine, sono concepiti per essere accessibili senza costi aggiuntivi perché sono integrati negli abbonamenti o nelle tariffe in vigore sulle varie reti comunali, comunitarie o regionali. 

Si tratta quindi di un modo di trasporto flessibile quasi quanto l’auto privata, sostenibile perché condiviso e ottimizzato, e accessibile senza costi aggiuntivi perché generalmente incluso nelle offerte di trasporto locale. È logico che dopo i recenti aumenti dei prezzi del carburante, i servizi ToD di Padam Mobility hanno visto un aumento dell’uso. Muoversi, agire per l’ambiente e aumentare il potere d’acquisto non sono più concetti che si escludono a vicenda.

Il trasporto a chiamata è una risposta concreta che, nonostante la crescente diffusione, è troppo spesso assente dalle considerazioni politiche.

È ora di invitarla nel dibattito politico e di onorare le principali preoccupazioni del popolo italiano.

Lire la suite

+€2 AL LITRO DI CARBURANTE: IL TRASPORTO ON-DEMAND DI PADAM MOBILITY COME ALTERNATIVA SOSTENIBILE ALL’AUTO PRIVATA

La crisi pandemica e quella climatica hanno portato il costo dei carburanti a salire vertiginosamente, una corsa all’insù peggiorata dalla guerra tra Russia e Ucraina con benzina e diesel ai massimi storici: sopra i 2 euro al litro.  Di fronte a questo aumento senza precedenti dei prezzi, un’altra soluzione è possibile: optare per modalità di trasporto alternative come il Trasporto a Chiamata.

Tra gli attori di questo settore, Padam Mobility si distingue per le sue soluzioni digitali per il trasporto pubblico dinamico su richiesta (TOD e PRMT). Leader in Europa, Padam Mobility è un partner di fiducia di autorità organizzatrici di trasporti come Île-de-France Mobilités e SYTRAL in Francia, Lincolnshire County Council nel Regno Unito, nonché di operatori di trasporto: Deutsche Bahn, Keolis, Transdev, RATP Dev, Busitalia, ecc.

TRASPORTO A CHIAMATA (TAD), UN’ALTERNATIVA SOSTENIBILE E PIÙ ECONOMICA ALL’AUTO PRIVATA

Secondo uno studio del Parlamento europeo, le automobile sono la causa principale dell’inquinamento atmosferico in Europa e rappresentano più del 60% delle emissioni totali di CO2 del traffico stradale europeo. Oltre all’inquinamento che provoca, l’uso dell’auto è particolarmente costoso per gli individui, soprattutto in tempi di inflazione. Secondo un sondaggio condotto tra gli utenti di una delle reti di Padam Mobility, il costo della manutenzione e dell’uso è una delle principali ragioni addotte dalle famiglie che hanno deciso di lasciare l’auto in garage a favore del TAD. Quasi il 60% di loro ritiene che il numero di viaggi in auto che fanno è diminuito da quando hanno iniziato a usare il servizio TAD.

Se il trasporto a chiamata offre una soluzione di viaggio più economica, è tanto più inclusiva perché le persone colpite dall’aumento dei prezzi del carburante sono anche le più vulnerabili (persone isolate, anziani, persone in situazioni di mobilità precaria). Nelle zone suburbane e rurali, il TAD spesso permette loro di connettersi con gli snodi regolari del trasporto pubblico (autobus extraurbani, treni) e facilita il loro accesso ai servizi e al lavoro.

“Prima andavo alla stazione in macchina. Ora prenoto un minibus più o meno in anticipo, ci sono minibus a tutte le ore. Risparmio carburante. E non devo parcheggiare o pagare il parcheggio. – Un utente della rete Île-de-France Mobilités TAD dotato di soluzioni Padam Mobility nella periferia di Parigi

Insieme alla riduzione dei protocolli sanitari, la guerra in Ucraina e il conseguente aumento dei prezzi del carburante possono spiegare il significativo aumento del numero di passeggeri osservato da alcuni operatori sulle loro reti di autobus e TAD.

“Con la crisi attuale, abbiamo visto un aumento delle corse su tutti i nostri servizi, sia convenzionali che a chiamata, in un modo sorprendente, con tassi di occupazione del +11% e addirittura del +31% in sole due settimane. L’aumento dei prezzi del carburante non è l’unica spiegazione, ma può aver facilitato il ritorno al trasporto pubblico. Julien Capdevielle, amministratore delegato di CarAlliance, un operatore TAD dotato di soluzioni Padam Mobility nell’agglomerato di Pau per il trasporto dei dipendenti

Il vantaggio economico della trasporto a chiamata è tanto più interessante in quanto la maggior parte dei servizi sono accessibili senza costi aggiuntivi, essendo integrati negli abbonamenti o nelle tariffe in vigore sulle varie reti.

“Con l’evoluzione dei prezzi al distributore, i francesi sono spinti a cambiare le loro abitudini per i loro spostamenti quotidiani, cambiamenti che di solito sono distribuiti su un lungo periodo di tempo. Secondo un’inchiesta di France Télévisions, la bolletta può arrivare a 100 euro al mese e nota che le periferie remote stanno sopportando il peso maggiore dell’aumento. Grégoire Bonnat, co-fondatore e CEO di Padam Mobility

Padam Mobility registra una rapida crescita della domanda di TAD. I suoi team hanno monitorato l’evoluzione dei servizi TAD maturi (cioè distribuiti da più di un anno) il cui parco veicoli è rimasto stabile. Oltre alla ripresa del trasporto pubblico post-covid e alle variazioni stagionali, è stato osservato un aumento dell’11% in una settimana, escluse le vacanze scolastiche. Questo è senza precedenti per l’azienda: il trasporto a chiamata, una delle principali alternative all’auto privata nelle aree peri-urbane o scarsamente popolate, è molto popolare.

Lire la suite

In che modo il trasporto a chiamata riduce il carico mentale ?

Charge mentale

Connettere le persone e rendere gli spostamenti più facili per tutti: questi sono gli obiettivi del trasporto a chiamata proposto da Padam Mobility. In questo senso, questa soluzione di viaggio può alleggerire i compiti quotidiani che costituiscono un carico mentale. Secondo Nicole Brais, investigatrice dell’Università di Laval, Quebec, il carico mentale corrisponde al “lavoro di gestione, organizzazione e pianificazione che è allo stesso tempo intangibile, inevitabile e costante” per gestire i compiti domestici. E nella costanza di questo peso che risiede il vero impatto sulla vita quotidiana.

Il peso mentale incombe principalmente le donne

Passano in media quasi 4 ore al giorno a gestire i compiti domestici, e gestiscono il 71% dei compiti genitoriali in casa. Questi compiti possono essere direttamente legati agli spostamenti: andare a fare la spesa, accompagnare e recuperare i bambini a scuola, e tutti gli altri piccoli compiti della vita quotidiana.

Il trasporto a chiamata rappresenta una soluzione semplice ed efficace per ridurre il peso di questi compiti quotidiani. Durante un feedback effettuato durante la sperimentazione del servizio di La Saire, nella regione del Cotentin, una mamma ha dichiarato:

“Penso che posso parlare per tutte le mamme nella stanza che non hanno più bisogno di portare i loro figli a scuola, avete cambiato la nostra vita a La Saire!”

Le persone con mobilità ridotta affrontano anche loro un maggior carico mentale nella loro vita quotidiana

In un mondo che a volte sembra essere stato progettato esclusivamente da e per persone abili, trovare un trasporto adeguato può essere particolarmente difficile per le persone con mobilità ridotta.

È quindi importante prendere in considerazione le esigenze specifiche degli utenti con disabilità. Per esempio, un servizio di trasporto porta a porta che tenga conto del tempo necessario per salire su veicoli adattati e della presenza di attrezzature specifiche, se necessario. Inoltre, l’accessibilità dell’offerta di trasporto include il diritto al movimento, e quindi al movimento spontaneo. Arrivare in città senza dover pianificare il proprio viaggio con settimane di anticipo è senza dubbio un fattore che alleggerisce il carico mentale per le persone a mobilità ridotta.

Le soluzioni TPMR sviluppate da Padam Mobility possono essere prenotate fino a 30 minuti in anticipo, per soddisfare il desiderio e il bisogno di spontaneità nella vita quotidiana. Sono configurati per prendersi cura di ogni utente secondo le specificità della sua mobilità ridotta e permettono uno spostamento flessibile da un indirizzo all’altro.

Soluzioni che rispondono ai problemi degli 11 milioni di assistenti familiari in francia

Gli assistenti familiari forniscono un sostegno quotidiano a un parente dipendente. Queste situazioni richiedono spesso continui spostamenti tra i centri sanitari, le case dei badanti e le case dei loro parenti dipendenti(come presentato in questo articolo). Questo contesto può portare a una dipendenza dai mezzi di trasporto privati, in particolare nelle aree peri-urbane e rurali dove i collegamenti con i trasporti pubblici sono più limitati.

Le soluzioni di Padam Mobility permettono al badante di fare una prenotazione e anche di ricevere notifiche specifiche per quanto riguarda l’assistenza del loro assistito. Queste configurazioni facilitano l’organizzazione quotidiana dei badanti coinvolgendoli intuitivamente negli spostamenti dei loro pazienti dipendenti.

Nelle zone rurali e periurbane, un carico mentale nascosto nelle esigenze di viaggio quotidiane di tutti

La disparità di accesso ai centri, specialmente nelle zone rurali e peri-urbane, crea pesantezze mentali per tutti : i giovani che non hanno un’auto, i genitori che devono accompagnare i loro familiari e figli, e gli anziani che hanno paura di guidare. Tutti questi impegni creano ansia e un peso mentale importante. Un peso che il trasporto a chiamata a volte contribuisce a ridurlo, come ci ha confessato un studente che usa il servizio di Résa’Tao a Orléans:

“Almeno (i miei genitori) non sono preoccupati perché sanno che se ho un problema, ho sempre a disposizione Resa’Tao.

E il benessere mentale dell’autista?

Il pendolarismo, compresa la mobilità casa-lavoro, è una mobilità il cui il peso mentale è poco considerato. Tuttavia , il peso del lavoro sul mentale e la guida sono direttamente collegati, poiché quest’ultimo ha un impatto sulla concentrazione dei conducenti e aumenta i rischi al volante. La guida e i suoi obblighi si aggiungono al carico mentale già esistente. Gli studi universitari hanno permesso di misurare scientificamente il carico mentale della guida e come limitarlo.

Soluzioni tecniche come l’intelligenza artificiale, che permette l’ottimizzazione dei viaggi, giocano un ruolo cruciale nel ridurre il carico mentale degli autisti usando le nostre soluzioni TAD. Infatti, attraverso un’interfaccia ergonomica, gli autisti sono guidati passo dopo passo e non devono più preoccuparsi del percorso da fare o dei passeggeri da far salire o scendere. Dal lato dei passeggeri, ex automobilisti, la soluzione facilita anche la loro vita quotidiana, liberandoli dai problemi che si incontrano spesso sulla strada: traffico, incidenti, parcheggio, rifornimento di carburante, ecc.

 

Potrebbe interessarti: Come fare del vostro trasporto a chiamata un successo con l’analisi dei dati ?

Scoprire di più su Padam Mobility.

Lire la suite

Cosa pensano gli utenti delle offerte di mobilità condivisa?

Mobilità condivisa

Le soluzioni di mobilità condivisa sono una parte essenziale della maggior parte delle aree urbane dense. Che si tratti di scooter, biciclette, auto o servizi di car-sharing, i bisogni di mobilità condivisa sembrano essere soddisfatti nelle aree urbane. Ma che dire dell’adozione da parte dell’utente? Qual è il futuro di questi servizi di mobilità condivisa? E quali aspetti devono essere migliorati? 

I vantaggi della mobilità condivisa

I benefici della mobilità condivisa sono chiari: la congestione sulle strade e nei centri città è notevolmente ridotta e l’inquinamento da emissioni di gas e polveri sottili è ridotto. 

Alla luce dei rapporti allarmanti che mostrano che il settore dei trasporti è responsabile di circa 1/3 delle emissioni di CO2 in Europa, il 70% delle quali proviene da auto, camion, furgoni e autobus, diventa essenziale ripensare la mobilità. Pertanto, le soluzioni di trasporto condiviso sono un pilastro importante per raggiungere gli obiettivi climatici fissati a Parigi.

Inoltre, la riduzione del traffico porta a una migliore qualità di vita nelle aree urbane, a causa della riduzione di tutti i tipi di inquinamento (climatico, acustico, visivo…).

Inoltre, la mobilità condivisa è anche più economica per ogni singolo utente, poiché la condivisione dei viaggi è accompagnata dalla condivisione dei costi.

Mobilità condivisa: che ne pensano gli utenti?

In uno studio pubblicato dalla società svedese Ericsson nel marzo di quest’anno, più della metà degli intervistati (57%) ha detto di pensare che i concetti di trasporto condiviso sarebbero diventati più popolari tra gli utenti nei prossimi cinque anni. Per queste persone, le offerte di mobilità condivisa avranno un impatto positivo sull’ambiente.

Questi dati mostrano che gli utenti riconoscono la necessità del trasporto condiviso e vedono la mobilità condivisa come un ruolo chiave nella lotta contro il cambiamento climatico.

Eppure le cifre sono sorprendenti se si considera che il trasporto pubblico, soprattutto in tempi di Covid-19, soffre. Mentre poco prima della pandemia, nell’aprile 2020, il 57% ha detto di preferire la propria auto alla mobilità condivisa, questa cifra è salita all’87% a livello globale* durante la pandemia.

Cosa ne pensano veramente gli utenti?

Nello stesso studio svedese, il quadro cambia quando le persone vengono interrogate sulle loro abitudini di utilizzo del trasporto nei prossimi cinque anni. Più della metà degli intervistati (51%) si vede alla guida di un veicolo personale per allora. In altre parole, gli intervistati pensano che la mobilità condivisa sia un concetto benefico e importante, ma temono di perdere le proprie libertà e quindi preferiscono rimanere legati alla loro auto personale.

Perché la mobilità condivisa rimane la strada giusta per il futuro?

I risultati di questo sondaggio svedese rivelano un punto importante: a certe condizioni, gli intervistati sono disposti a rinunciare al loro veicolo personale se possono mantenere lo stesso livello di indipendenza e flessibilità.

La chiave qui è l’offerta. Preferenze di viaggio, flessibilità di orario, servizio porta a porta, disponibilità fuori dalle ore di punta, comfort del veicolo… offrire servizi personalizzati è fondamentale per incoraggiare gli utenti a passare a modalità di trasporto condivise. 

Ma per impostare un servizio che trovi il suo pubblico, è fondamentale studiare a fondo il territorio per capirne le esigenze. Se si pongono le domande giuste e si propongono le soluzioni, gli utenti seguiranno l’approccio poiché la volontà di base esiste.

*Per questo studio sono stati intervistati 11.000 consumatori di 11 paesi.

 

Potrebbe interessarti: Mobilità rurale: come le nostre soluzioni di trasporto a chiamata aiutano a riconnettere i territori

Scoprire di più su Padam Mobility.

Lire la suite

Mobilità rurale: come le nostre soluzioni di Trasporto a Chiamata aiutano a riconnettere i territori

mobilità rurale

La mobilità  rurale è una sfida importante. Il divario tra le aree urbane dense e il resto del paese, dove vive più di un francese su tre, sta aumentando. Di fronte alla scarsità e alla lontananza dei servizi e delle aree di lavoro, le zone rurali sono anche scarsamente o per nulla servite dal trasporto pubblico.

Fin dalla sua creazione, Padam Mobility si è impegnato a creare e definire una mobilità più  intelligente, più efficiente, e quindi più accessibile, alle aree scarsamente popolate. Preoccuparsi della mobilità delle persone che vivono nelle zone periurbane e rurali offrendo soluzioni di mobilità condivisa sostenibile è una missione alla quale l’azienda risponde quotidianamente con la creazione di servizi di trasporto a chiamata. Migliorare gli spostamenti di tutti facilitando l’accesso a diversi luoghi di servizi, portando anche un accesso più semplice a posti di lavoro.

Le nostre soluzioni hanno dimostrato il loro interesse nelle zone rurali perché possono essere facilmente adattate alle questioni locali e forniscono risposte pertinenti ai problemi incontrati dagli attori della mobilità in questo settore. Queste soluzioni consentono di ridurre il costo per viaggio, aumentando l’attrattiva dei servizi e quindi il numero di passeggeri, e di ridurre i costi di gestione minimizzando il più possibile i viaggi a vuoto. Si adattano e si integrano in un’offerta di mobilità concentrandosi sulla parte più difficile: la soddisfazione dell’ utenza residente in zone allontanate dalle strade principali. Rispondono in particolare alle seguenti questioni:

Pertinenza dell’offerta di mobilità

  • Tenendo conto dei vincoli locali e adattandosi ai vari casi d’uso
  • Complementarietà con i servizi di trasporto pubblico convenzionale

Qualità del servizio

  • Riduzione dei costi operativi e miglioramento significativo delle prestazioni dei servizi di Trasporto a Chiamata e Paratransito
  • Semplificazione dei compiti del call center: prenotazione ed elaborazione più veloce, assegnazione automatica dei viaggi

Esperienza utente e transizione digitale

  • Riduzione dei tempi di prenotazione
  • Responsabilizzare gli utenti attraverso l’introduzione di nuovi canali di prenotazione (sito web e applicazione mobile)
  • Miglioramento dell’esperienza del viaggiatore: prenotazioni in tempo reale, multi-date o ricorrenti, notifiche di promemoria, interfacce ergonomiche

Accessibilità e sostenibilità

  • Riduzione dell’impronta di carbonio e delle polveri sottili attraverso l’ottimizzazione dei percorsi e la condivisione dei viaggi
  • Adattamento a tutti i tipi di flotte di veicoli
  • Mutualizzazione dei servizi di Trasporto a Chiamata e Paratransito per un’offerta universale e accessibile al 100%.

A Châlons-en-Champagne, Saint-Omer, Bretagna o Pays de la Loire in Francia, nella Renania-Palatinato in Germania, le soluzioni di Trasporto a Chiamata e Paratransito di Padam Mobility hanno saputo adattarsi ai vincoli locali e alle sfide dei territori e dei loro abitanti per migliorare la mobilità delle popolazioni rurali, ridurre la loro dipendenza dall’auto privata e rafforzare la loro autonomia negli spostamenti.

In queste diverse aree, gli operatori dei trasporti e le autorità pubbliche hanno deciso congiuntamente di incoraggiare una mobilità alternativa intelligente e flessibile, basata su piattaforme di gestione innovative. Grazie ai servizi di trasporto basati sulle prenotazioni, sono stati implementati nuovi  mezzi per gestire e garantire l’accesso a una mobilità più inclusiva e sostenibile. Questi mezzi permettono una transizione graduale verso spostamenti più virtuosi e addirittura senza carbonio, riducono l’impatto dell’auto individuale e migliorano l’accesso al lavoro e alle aree di servizio.

L’implementazione di soluzioni intelligenti di Trasporto a Chiamata e Paratransito dinamico garantisce agli operatori e alle autorità locali di beneficiare di vantaggi immediati:

  • Aumento dei passeggeri e riduzione dei costi operativi per viaggio grazie al miglioramento dell’esperienza degli utenti e all’introduzione di nuovi canali di prenotazione che si rivolgono a gruppi più ampi di utenti (giovani, anziani, pendolari, occasionali). Per esempio, i servizi a chiamata  triplicano in media i loro passeggeri quando sono attrezzati con la tecnologia Padam Mobility.
  • Ottimizzazione delle risorse raggruppando i servizi su un’unica piattaforma per massimizzare l’uso del servizio. Queste piattaforme possono anche essere adattate a qualsiasi tipo di veicolo e gruppo di utenti, garantendo una ripartizione ottimale delle risorse e la gestione del servizio.

Il potenziale e i nuovi casi d’uso che offrono questi servizi di trasporto a chiamata permettono di cogliere nuove prospettive:

Ripensare l’offerta di mobilità nella sua integralità

  • Mentre il trasporto pubblico regolare è praticabile basandosi su una densità minima della domanda, Trasporto a Chiamata e Paratransito intelligenti possono essere configurati per connettersi alle reti di trasporto pubblico regolare, andando a completare l’offerta  piuttosto che competere con esse.
  • Alla luce dello sviluppo delle soluzioni di Mobility as a Service, Trasporto a Chiamata e Paratransito rappresentano una delle opzioni di mobilità rurale che aiutano a migliorare il servizio complessivo di un territorio e il viaggio senza soluzione di continuità.

Adattarsi rapidamente e senza costi aggiuntivi ai nuovi usi che sono emersi con la crisi sanitaria.

  • Servizi dinamici a chiamata e Paratransito permettono di creare servizi di trasporto sanitario intelligenti nelle zone rurali dedicate alle persone più vulnerabili per servire i centri di cura o di vaccinazione, per decongestionare o integrare le linee regolari nel rispetto delle misure sanitarie.
  • Poiché la crisi sanitaria evidenzia i limiti del vivere in un ambiente urbano, gli abitanti delle aree metropolitane stanno migrando verso le zone rurali dove l’ambiente di vita è più piacevole. Questi nuovi arrivati, neo-rurali, che spesso non hanno un’auto (e nemmeno una patente), portano con sé nuove aspettative ed esigenze in termini di accesso alla mobilità. Richiedono nuove esigenze e richiedono una certa reattività da parte degli attori della mobilità a fine che i servizi svolti, si  adattino ai loro stili di vita.
Lire la suite