close

Operatori dei trasporti

+€2 AL LITRO DI CARBURANTE: IL TRASPORTO ON-DEMAND DI PADAM MOBILITY COME ALTERNATIVA SOSTENIBILE ALL’AUTO PRIVATA

La crisi pandemica e quella climatica hanno portato il costo dei carburanti a salire vertiginosamente, una corsa all’insù peggiorata dalla guerra tra Russia e Ucraina con benzina e diesel ai massimi storici: sopra i 2 euro al litro.  Di fronte a questo aumento senza precedenti dei prezzi, un’altra soluzione è possibile: optare per modalità di trasporto alternative come il Trasporto a Chiamata.

Tra gli attori di questo settore, Padam Mobility si distingue per le sue soluzioni digitali per il trasporto pubblico dinamico su richiesta (TOD e PRMT). Leader in Europa, Padam Mobility è un partner di fiducia di autorità organizzatrici di trasporti come Île-de-France Mobilités e SYTRAL in Francia, Lincolnshire County Council nel Regno Unito, nonché di operatori di trasporto: Deutsche Bahn, Keolis, Transdev, RATP Dev, Busitalia, ecc.

TRASPORTO A CHIAMATA (TAD), UN’ALTERNATIVA SOSTENIBILE E PIÙ ECONOMICA ALL’AUTO PRIVATA

Secondo uno studio del Parlamento europeo, le automobile sono la causa principale dell’inquinamento atmosferico in Europa e rappresentano più del 60% delle emissioni totali di CO2 del traffico stradale europeo. Oltre all’inquinamento che provoca, l’uso dell’auto è particolarmente costoso per gli individui, soprattutto in tempi di inflazione. Secondo un sondaggio condotto tra gli utenti di una delle reti di Padam Mobility, il costo della manutenzione e dell’uso è una delle principali ragioni addotte dalle famiglie che hanno deciso di lasciare l’auto in garage a favore del TAD. Quasi il 60% di loro ritiene che il numero di viaggi in auto che fanno è diminuito da quando hanno iniziato a usare il servizio TAD.

Se il trasporto a chiamata offre una soluzione di viaggio più economica, è tanto più inclusiva perché le persone colpite dall’aumento dei prezzi del carburante sono anche le più vulnerabili (persone isolate, anziani, persone in situazioni di mobilità precaria). Nelle zone suburbane e rurali, il TAD spesso permette loro di connettersi con gli snodi regolari del trasporto pubblico (autobus extraurbani, treni) e facilita il loro accesso ai servizi e al lavoro.

“Prima andavo alla stazione in macchina. Ora prenoto un minibus più o meno in anticipo, ci sono minibus a tutte le ore. Risparmio carburante. E non devo parcheggiare o pagare il parcheggio. – Un utente della rete Île-de-France Mobilités TAD dotato di soluzioni Padam Mobility nella periferia di Parigi

Insieme alla riduzione dei protocolli sanitari, la guerra in Ucraina e il conseguente aumento dei prezzi del carburante possono spiegare il significativo aumento del numero di passeggeri osservato da alcuni operatori sulle loro reti di autobus e TAD.

“Con la crisi attuale, abbiamo visto un aumento delle corse su tutti i nostri servizi, sia convenzionali che a chiamata, in un modo sorprendente, con tassi di occupazione del +11% e addirittura del +31% in sole due settimane. L’aumento dei prezzi del carburante non è l’unica spiegazione, ma può aver facilitato il ritorno al trasporto pubblico. Julien Capdevielle, amministratore delegato di CarAlliance, un operatore TAD dotato di soluzioni Padam Mobility nell’agglomerato di Pau per il trasporto dei dipendenti

Il vantaggio economico della trasporto a chiamata è tanto più interessante in quanto la maggior parte dei servizi sono accessibili senza costi aggiuntivi, essendo integrati negli abbonamenti o nelle tariffe in vigore sulle varie reti.

“Con l’evoluzione dei prezzi al distributore, i francesi sono spinti a cambiare le loro abitudini per i loro spostamenti quotidiani, cambiamenti che di solito sono distribuiti su un lungo periodo di tempo. Secondo un’inchiesta di France Télévisions, la bolletta può arrivare a 100 euro al mese e nota che le periferie remote stanno sopportando il peso maggiore dell’aumento. Grégoire Bonnat, co-fondatore e CEO di Padam Mobility

Padam Mobility registra una rapida crescita della domanda di TAD. I suoi team hanno monitorato l’evoluzione dei servizi TAD maturi (cioè distribuiti da più di un anno) il cui parco veicoli è rimasto stabile. Oltre alla ripresa del trasporto pubblico post-covid e alle variazioni stagionali, è stato osservato un aumento dell’11% in una settimana, escluse le vacanze scolastiche. Questo è senza precedenti per l’azienda: il trasporto a chiamata, una delle principali alternative all’auto privata nelle aree peri-urbane o scarsamente popolate, è molto popolare.

Lire la suite

COME FARE DEL VOSTRO TRASPORTO ON-DEMAND UN SUCCESSO CON L’ANALISI DEI DATI?

transport et données

Raggruppare i passeggeri e adattare il percorso in base alla domanda. Questo è il principio di base del Transport on Demand. Con la sua efficienza, riduce la necessità di usare la propria auto e aiuta a ridurre le emissioni di gas serra.

Tuttavia, i vari servizi di Transport on Demand non sono gli stessi. Non esiste un modello unico che possa essere applicato a tutti i territori. La chiave per un Trasporto a chiamata di successo sta nell’analisi dei dati raccolti prima che il servizio sia istituito e durante il suo funzionamento. Questi dati mostrano come viene utilizzato il servizio e come possiamo migliorarlo o estenderlo.

COME SI PUÒ UTILIZZARE L’ANALISI DEI DATI PER CREARE UN SERVIZIO DI TRASPORTO EFFICACE BASATO SULLA DOMANDA?

La Smart Transport Conference si è tenuta a Londra fine novembre. Riunendo esperti di mobilità, aziende di trasporto innovative e funzionari eletti, la conferenza ha affrontato le questioni di mobilità più urgenti: come raggiungere i nostri obiettivi climatici, come promuovere soluzioni di trasporto innovative, come cambiare l’infrastruttura per incoraggiare l’uso di soluzioni di trasporto a basse emissioni?

David Carnero, Head of International Business Development, ha parlato durante la Technology and Innovation Conference del ruolo importante dei dati nello sviluppo dei servizi on-demand.

Con esempi concreti, ognuno dei quali mostrava scenari di dati reali e anonimi dei clienti, David ha sottolineato l‘importanza dell’occhio esperto degli esperti di mobilità di Padam Mobility nel lanciare e mantenere i servizi di Transport on Demand.

SCEGLIERE LA GIUSTA DIMENSIONE DELLA FLOTTA

La scelta delle dimensioni della flotta è cruciale per il successo di un servizio on-demand. Se la flotta è troppo grande, è costosa da mantenere, i veicoli non sono usati in modo ottimale e c’è bisogno di personale aggiuntivo. Inoltre, se non ci sono abbastanza veicoli per soddisfare la domanda, altri problemi tendono a sorgere e influenzano il servizio nel suo complesso. Gli utenti che cercano di prenotare un viaggio e non possono farlo ripetutamente perché tutti i veicoli sono già occupati possono allontanarsi dal servizio! Il grafico seguente mostra che il tasso di rifiuto medio giornaliero (barre blu) e il tasso di rifiuto totale (linea arancione) sono molto alti quasi sempre. In questa situazione, devono essere impiegati più veicoli per soddisfare la domanda.

fleet size

TRASPORTO E DATI: LA GIUSTA CONFIGURAZIONE DEL SERVIZIO PUÒ FARE MIRACOLI

Un altro esempio mostra come un’abile interpretazione dei dati possa avere un impatto sul servizio. Prima del riallineamento dell’offerta Dial-a-Ride mostrato nel grafico qui sotto, è stato registrato un numero piuttosto basso di utenti. Questo potrebbe essere dovuto a molte ragioni, ma sarebbe sbagliato concludere che la popolazione del territorio non era aperta a una soluzione di mobilità a chiamata.

Il servizio è stato adattato e, da agosto 2020, i dati mostrano che il numero di passeggeri sta aumentando rapidamente. Questo suggerisce che il riadattamento del servizio fatto circa due mesi prima è molto più rispondente alle reali esigenze degli utenti. In questo esempio, sono state aggiunte diverse fermate e l’area di servizio è stata ampliata.

Enlargement

AMPIE POSSIBILITÀ DI ANALISI E VALUTAZIONE DEI DATI 

Altri esempi mostrano quanto sia estesa l’analisi dei dati che Padam Mobility svolge per i suoi clienti e come il suo attento studio possa essere cruciale per il successo di un servizio di trasporto a chiamata.

Vediamo le ragioni per cui le ricerche di viaggio non portano a prenotazioni. Il grafico qui sotto mostra quando, verso novembre 2020, il tasso di conversione da ricerche a prenotazioni aumenta significativamente rispetto al periodo precedente. L’analisi ha indicato che gli utenti potrebbero non essere stati in grado di trovare fermate adatte nelle vicinanze o non erano soddisfatti dell’area di servizio data. In questo caso, un miglioramento del servizio si è tradotto in un maggior numero di richieste da parte degli utenti e quindi in un aumento del rapporto tra richieste di ricerca e prenotazioni effettive.

Conversion

L’estensione dell’area di servizio, una flotta più grande o più fermate non sono le uniche modifiche possibili. Le configurazioni di servizio adattate al contesto e ai bisogni di ogni regione sono essenziali. Padam Mobility testa e misura i modelli più appropriati. Per alcune regioni, un modello 100 % libero, che non fornisce un percorso fisso, può avere senso, per esempio per risparmiare veicoli/chilometri e per offrire ai passeggeri un’esperienza utente personalizzata. In altre aree, una configurazione di alimentazione può essere più appropriata, per esempio se una fermata specifica, come una stazione ferroviaria, è la destinazione principale per gli utenti del servizio. In aree molto grandi, può essere utile definire delle zone in cui opera un servizio a domanda. Questo aiuta gli operatori a mantenere una visione chiara delle prestazioni e delle risorse necessarie per ogni servizio.

ESSERE ACCOMPAGNATI DA ESPERTI

Mentre i territori sembrano essere sempre più disposti a fornire ai loro abitanti una soluzione di mobilità pratica e flessibile, la moltitudine di possibilità per distribuire i servizi può essere schiacciante! Da dove cominciare? Quale configurazione è migliore? Quanti veicoli?

Il team di esperti di trasporto di Padam Mobility aiuta i territori a definire i contorni delle reti dispiegate nel modo più preciso possibile. Le simulazioni e i “piloti” sono concepiti per studiare e approfondire i servizi durante un determinato periodo e raccogliere dati che permetteranno di ri  adattare il loro funzionamento.

I nostri team supportano anche i nostri clienti a lungo termine, mentre forniscono soluzioni ad hoc a breve termine. Per esempio, all’inizio del 2021, Padam Mobility ha istituito il servizio TAD IDFM Transport on Demand nella regione di Parigi, per trasportare le persone vulnerabili ai centri di vaccinazione più vicini. Un altro esempio recente è la “Christmas shopping offer” proposta dal servizio HertsLynx (UK).

Un partner affidabile, in grado di raccogliere e analizzare i dati generati da un servizio on-demand, è fondamentale per il successo dell’implementazione di un servizio on-demand.

Lire la suite

Cosa pensano gli utenti delle offerte di mobilità condivisa?

Mobilità condivisa

Le soluzioni di mobilità condivisa sono una parte essenziale della maggior parte delle aree urbane dense. Che si tratti di scooter, biciclette, auto o servizi di car-sharing, i bisogni di mobilità condivisa sembrano essere soddisfatti nelle aree urbane. Ma che dire dell’adozione da parte dell’utente? Qual è il futuro di questi servizi di mobilità condivisa? E quali aspetti devono essere migliorati? 

I vantaggi della mobilità condivisa

I benefici della mobilità condivisa sono chiari: la congestione sulle strade e nei centri città è notevolmente ridotta e l’inquinamento da emissioni di gas e polveri sottili è ridotto. 

Alla luce dei rapporti allarmanti che mostrano che il settore dei trasporti è responsabile di circa 1/3 delle emissioni di CO2 in Europa, il 70% delle quali proviene da auto, camion, furgoni e autobus, diventa essenziale ripensare la mobilità. Pertanto, le soluzioni di trasporto condiviso sono un pilastro importante per raggiungere gli obiettivi climatici fissati a Parigi.

Inoltre, la riduzione del traffico porta a una migliore qualità di vita nelle aree urbane, a causa della riduzione di tutti i tipi di inquinamento (climatico, acustico, visivo…).

Inoltre, la mobilità condivisa è anche più economica per ogni singolo utente, poiché la condivisione dei viaggi è accompagnata dalla condivisione dei costi.

Mobilità condivisa: che ne pensano gli utenti?

In uno studio pubblicato dalla società svedese Ericsson nel marzo di quest’anno, più della metà degli intervistati (57%) ha detto di pensare che i concetti di trasporto condiviso sarebbero diventati più popolari tra gli utenti nei prossimi cinque anni. Per queste persone, le offerte di mobilità condivisa avranno un impatto positivo sull’ambiente.

Questi dati mostrano che gli utenti riconoscono la necessità del trasporto condiviso e vedono la mobilità condivisa come un ruolo chiave nella lotta contro il cambiamento climatico.

Eppure le cifre sono sorprendenti se si considera che il trasporto pubblico, soprattutto in tempi di Covid-19, soffre. Mentre poco prima della pandemia, nell’aprile 2020, il 57% ha detto di preferire la propria auto alla mobilità condivisa, questa cifra è salita all’87% a livello globale* durante la pandemia.

Cosa ne pensano veramente gli utenti?

Nello stesso studio svedese, il quadro cambia quando le persone vengono interrogate sulle loro abitudini di utilizzo del trasporto nei prossimi cinque anni. Più della metà degli intervistati (51%) si vede alla guida di un veicolo personale per allora. In altre parole, gli intervistati pensano che la mobilità condivisa sia un concetto benefico e importante, ma temono di perdere le proprie libertà e quindi preferiscono rimanere legati alla loro auto personale.

Perché la mobilità condivisa rimane la strada giusta per il futuro?

I risultati di questo sondaggio svedese rivelano un punto importante: a certe condizioni, gli intervistati sono disposti a rinunciare al loro veicolo personale se possono mantenere lo stesso livello di indipendenza e flessibilità.

La chiave qui è l’offerta. Preferenze di viaggio, flessibilità di orario, servizio porta a porta, disponibilità fuori dalle ore di punta, comfort del veicolo… offrire servizi personalizzati è fondamentale per incoraggiare gli utenti a passare a modalità di trasporto condivise. 

Ma per impostare un servizio che trovi il suo pubblico, è fondamentale studiare a fondo il territorio per capirne le esigenze. Se si pongono le domande giuste e si propongono le soluzioni, gli utenti seguiranno l’approccio poiché la volontà di base esiste.

*Per questo studio sono stati intervistati 11.000 consumatori di 11 paesi.

 

Potrebbe interessarti: Mobilità rurale: come le nostre soluzioni di trasporto a chiamata aiutano a riconnettere i territori

Scoprire di più su Padam Mobility.

Lire la suite

Mobilità rurale: come le nostre soluzioni di Trasporto a Chiamata aiutano a riconnettere i territori

mobilità rurale

La mobilità  rurale è una sfida importante. Il divario tra le aree urbane dense e il resto del paese, dove vive più di un francese su tre, sta aumentando. Di fronte alla scarsità e alla lontananza dei servizi e delle aree di lavoro, le zone rurali sono anche scarsamente o per nulla servite dal trasporto pubblico.

Fin dalla sua creazione, Padam Mobility si è impegnato a creare e definire una mobilità più  intelligente, più efficiente, e quindi più accessibile, alle aree scarsamente popolate. Preoccuparsi della mobilità delle persone che vivono nelle zone periurbane e rurali offrendo soluzioni di mobilità condivisa sostenibile è una missione alla quale l’azienda risponde quotidianamente con la creazione di servizi di trasporto a chiamata. Migliorare gli spostamenti di tutti facilitando l’accesso a diversi luoghi di servizi, portando anche un accesso più semplice a posti di lavoro.

Le nostre soluzioni hanno dimostrato il loro interesse nelle zone rurali perché possono essere facilmente adattate alle questioni locali e forniscono risposte pertinenti ai problemi incontrati dagli attori della mobilità in questo settore. Queste soluzioni consentono di ridurre il costo per viaggio, aumentando l’attrattiva dei servizi e quindi il numero di passeggeri, e di ridurre i costi di gestione minimizzando il più possibile i viaggi a vuoto. Si adattano e si integrano in un’offerta di mobilità concentrandosi sulla parte più difficile: la soddisfazione dell’ utenza residente in zone allontanate dalle strade principali. Rispondono in particolare alle seguenti questioni:

Pertinenza dell’offerta di mobilità

  • Tenendo conto dei vincoli locali e adattandosi ai vari casi d’uso
  • Complementarietà con i servizi di trasporto pubblico convenzionale

Qualità del servizio

  • Riduzione dei costi operativi e miglioramento significativo delle prestazioni dei servizi di Trasporto a Chiamata e Paratransito
  • Semplificazione dei compiti del call center: prenotazione ed elaborazione più veloce, assegnazione automatica dei viaggi

Esperienza utente e transizione digitale

  • Riduzione dei tempi di prenotazione
  • Responsabilizzare gli utenti attraverso l’introduzione di nuovi canali di prenotazione (sito web e applicazione mobile)
  • Miglioramento dell’esperienza del viaggiatore: prenotazioni in tempo reale, multi-date o ricorrenti, notifiche di promemoria, interfacce ergonomiche

Accessibilità e sostenibilità

  • Riduzione dell’impronta di carbonio e delle polveri sottili attraverso l’ottimizzazione dei percorsi e la condivisione dei viaggi
  • Adattamento a tutti i tipi di flotte di veicoli
  • Mutualizzazione dei servizi di Trasporto a Chiamata e Paratransito per un’offerta universale e accessibile al 100%.

A Châlons-en-Champagne, Saint-Omer, Bretagna o Pays de la Loire in Francia, nella Renania-Palatinato in Germania, le soluzioni di Trasporto a Chiamata e Paratransito di Padam Mobility hanno saputo adattarsi ai vincoli locali e alle sfide dei territori e dei loro abitanti per migliorare la mobilità delle popolazioni rurali, ridurre la loro dipendenza dall’auto privata e rafforzare la loro autonomia negli spostamenti.

In queste diverse aree, gli operatori dei trasporti e le autorità pubbliche hanno deciso congiuntamente di incoraggiare una mobilità alternativa intelligente e flessibile, basata su piattaforme di gestione innovative. Grazie ai servizi di trasporto basati sulle prenotazioni, sono stati implementati nuovi  mezzi per gestire e garantire l’accesso a una mobilità più inclusiva e sostenibile. Questi mezzi permettono una transizione graduale verso spostamenti più virtuosi e addirittura senza carbonio, riducono l’impatto dell’auto individuale e migliorano l’accesso al lavoro e alle aree di servizio.

L’implementazione di soluzioni intelligenti di Trasporto a Chiamata e Paratransito dinamico garantisce agli operatori e alle autorità locali di beneficiare di vantaggi immediati:

  • Aumento dei passeggeri e riduzione dei costi operativi per viaggio grazie al miglioramento dell’esperienza degli utenti e all’introduzione di nuovi canali di prenotazione che si rivolgono a gruppi più ampi di utenti (giovani, anziani, pendolari, occasionali). Per esempio, i servizi a chiamata  triplicano in media i loro passeggeri quando sono attrezzati con la tecnologia Padam Mobility.
  • Ottimizzazione delle risorse raggruppando i servizi su un’unica piattaforma per massimizzare l’uso del servizio. Queste piattaforme possono anche essere adattate a qualsiasi tipo di veicolo e gruppo di utenti, garantendo una ripartizione ottimale delle risorse e la gestione del servizio.

Il potenziale e i nuovi casi d’uso che offrono questi servizi di trasporto a chiamata permettono di cogliere nuove prospettive:

Ripensare l’offerta di mobilità nella sua integralità

  • Mentre il trasporto pubblico regolare è praticabile basandosi su una densità minima della domanda, Trasporto a Chiamata e Paratransito intelligenti possono essere configurati per connettersi alle reti di trasporto pubblico regolare, andando a completare l’offerta  piuttosto che competere con esse.
  • Alla luce dello sviluppo delle soluzioni di Mobility as a Service, Trasporto a Chiamata e Paratransito rappresentano una delle opzioni di mobilità rurale che aiutano a migliorare il servizio complessivo di un territorio e il viaggio senza soluzione di continuità.

Adattarsi rapidamente e senza costi aggiuntivi ai nuovi usi che sono emersi con la crisi sanitaria.

  • Servizi dinamici a chiamata e Paratransito permettono di creare servizi di trasporto sanitario intelligenti nelle zone rurali dedicate alle persone più vulnerabili per servire i centri di cura o di vaccinazione, per decongestionare o integrare le linee regolari nel rispetto delle misure sanitarie.
  • Poiché la crisi sanitaria evidenzia i limiti del vivere in un ambiente urbano, gli abitanti delle aree metropolitane stanno migrando verso le zone rurali dove l’ambiente di vita è più piacevole. Questi nuovi arrivati, neo-rurali, che spesso non hanno un’auto (e nemmeno una patente), portano con sé nuove aspettative ed esigenze in termini di accesso alla mobilità. Richiedono nuove esigenze e richiedono una certa reattività da parte degli attori della mobilità a fine che i servizi svolti, si  adattino ai loro stili di vita.
Lire la suite